Una nuova opportunità per i giovani operatori turistici del Qhapaq Ñan

Di Alfredo Eguino

 

La Paz, Bolivia. Sono le otto di una fredda mattina invernale. Partiamo da Piazza di Spagna, direzione Lago Titacaca, il nostro obiettivo è visitare i progetti finanziati dalla Cooperazione Italiana nel settore turismo, alcuni dei quali si realizzano nelle aree contigue al sentiero inca del Qhapaq Ñan. Tra questi “INCAmmino”, progetto implementato dalla ONG italiana Istituto Cooperazione Economia Internazionale (ICEI) e l'iniziativa “Qhapaq Ñan - II Fase”, gestito dal Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP). Ci accompagna Daniel Carvallo, coordinatore generale per la Bolivia, Ecuador e Perù del progetto di UNDP, il quale, durante il viaggio, ci racconta i passaggi più importanti della prima fase del citato intervento.

Sono le 11 quando arriviamo a Santiago de Okola, paesino situato sulla sponda boliviana del Lago Titicaca, a 4mila metri sopra il livello del mare. Nella piazza del paese ci aspetta Luciano Lucchesi, coordinatore del progetto “INCAmino” di ICEI. Scendiamo dalla macchina. L'aria è frizzante, il sole è fortissimo, brucia la pelle, tipico dell'altipiano. Questa comunità sperduta del lago è il punto strategico per articolare le attività dei due progetti finanziati dalla Cooperazione Italiana e volti alla promozione del turismo comunitario e sostenibile del Qhapac Ñan, sentiero inca che percorre il Sudamerica dalla Colombia al Cile.

Dalla piazza ci spostiamo verso la scuola del paese, dove Luciano si sta occupando della formazione dei giovani operatori turistici locali, una delle principali attività del progetto. Questo intervento prevede, infatti, tre componenti: la tutela del patrimonio, la creazione di sinergie tra i vari comuni per lo sviluppo di un piano turistico e, infine, la promozione turistica, anche attraverso l'uso delle nuove tecnologie digitali dell’informazione e comunicazione (TIC).

E´ proprio sulle attività formative che si concentra il lavoro di ICEI in questo periodo. Nell'atrio della scuola, giovani operatori turistici provenienti da zone più disparate della Bolivia si sono riuniti per prendere parte al corso per giovani guide. Il corso è concepito per migliorare le loro capacità e conoscenze tecniche come professionisti del settore.

Approfittiamo dunque per fare qualche domanda e raccogliere delle testimonianze:

Maruja è la Presidente dell’Organizzazione del Turismo Comunitario di Santiago di Okola, nata nel 2006 dall'associazione di 6 famiglie e attualmente composta da 12 famiglie. “Santiago di Okola dista circa 2 ore e mezza dalla città di La Paz. Tradizionalmente questa comunità si è dedicata alla pesca e all´agricoltura, anche se negli ultimi anni il turismo internazionale sta prendendo piede. I turisti arrivano soprattutto da Stati Uniti, Francia, Germania e Giappone e sono attratti da questi luoghi favolosi e dallo stile di vita della comunità, così diverso dal loro. Nel paese, non esiste un hotel e i turisti sono accolti dalle famiglie all'interno delle loro case. Ad oggi, però, mancano ancora alcuni strumenti importanti per sfruttare a pieno il potenziale turistico del posto. La comunicazione e la tecnologia, ad esempio, sono importanti per poter contattare direttamente i turisti. Al momento ci appoggiamo alle agenzie di viaggio, anche se ci piacerebbe imparare a gestire le comunicazioni con i turisti in prima persona”.

Ramiro, invece, viene dall’impresa Qala Uta, fondata nel 2008 e composta da 25 famiglie. “Per alcune società turistiche il lavoro è più facile perché si trovano vicino alle città. Nel nostro caso, abbiamo cercato di sfruttare la tradizione Aymara per attrarre l'attenzione dei turisti. Come comunità, siamo uniti dalla cosmovisione indigena fatta di animali e natura, per noi tutto possiede vita. I benefici ottenuti con il turismo si distribuiscono tra tutta la comunità, sia tra coloro che partecipano al circuito turistico, come tra coloro che non vi partecipano affatto. Vi siamo riconoscenti per questa opportunità e per condividere con noi le vostre conoscenze”.

Amalia fa parte di Tomarapi, associazione che da oltre 16 anni lavora nel circuito turistico del lago e conta oggi con 25 soci. Amalia è molto felice di poter partecipare a questo Progetto, ci dice che gli spazi di formazione sono un ottimo strumento per la sua crescita professionale. “Il progetto ci aiuta molto. Posso imparare a guidare i turisti e in futuro potrò formare a mia volta altre guide all'interno della mia comunità”.

Jesus fa parte dell’impresa Mi casa es tu casa della regione tropicale dello Yungas, vicino alla città di La Paz. E' la prima volta che la cooperazione internazionale ci fornisce della formazione su questi temi, un metodo empirico che ci permette di imparare un mestiere.”

Onofre invece fa parte della Comunidad San Antonio de Lipez nel Dipartimendo di Potosí, a 700 km da qui. “Tra le varie attrazioni turistiche, offriamo la possibilità di visitare le miniere coloniali. L'affluenza di turisti da Cile e Argentina è forte. Questi corsi ci permettono di sviluppare ulteriormente i rapporti con i turisti che arrivano da questi paesi”.

Anche Ronald viene da Potosí. L´associazione per cui lavora offre ai turisti visite guidate per conoscere le pitture rupestri Inca. “Il corso ci aiuta con la formazione su aspetti importanti come norme e regole per formare le guide locali del turismo comunitario”.

Parliamo infine con Boris, guida turistica e fotografo della comunità di Luribay, che è venuto per tenere un piccolo corso di fotografia per i giovani operatori turistici che partecipano al progetto. “Da noi, il turismo ha ancora grossi limiti, mancano le infrastrutture e il fatto che il governo imponga il visto turistico a chi viene da Stati Uniti e Israele, è un grosso problema; senza contare che le tasse sono piuttosto alte. Per quanto la cooperazione internazionale sia di molto aiuto, il governo dovrebbe dimostrarsi più flessibile e vicino alla gente”.

E’ stata molto gradita la nostra visita a Santiago di Okola, e la nostra partecipazione al workshop organizzato da ICEI è vista come un coinvolgimento e un'attenzione che raramente gli abitanti di questi luoghi sono abituati a ricevere da parte delle istituzioni. Anche per questo siamo cordialmente invitati a pranzo da Doña Maruja che ci offre un delizioso Apthapi, tradizionale pic-nic, esclusivamente a base di prodotti locali.

Dopo il pranzo, la nostra visita continua verso casa di Doña Victoria, una casa tipica dove vengono alloggiati i turisti. Doña Maruja e Daniel ci spiegano che, per sviluppare il turismo comunitario, é  necessario standardizzare le strutture ricettive e migliorarle, in modo tale da creare uno standard minimo di qualità. Per questo motivo, bisognerà investire anche sugli impianti elettrici, sanitari e migliorare la qualità di letti e servizi, in modo da far sentire a proprio agio turista e visitatori.

 

Posted in Uncategorized.